Selezione Lingua

Italian English French German Portuguese Russian Spanish

L'ora della birra

Birrofili in visita al birrificio

23173
OggiOggi2
IeriIeri26
Questa SettimanaQuesta Settimana175
Questo MeseQuesto Mese625
SempreSempre23173

Gran Paradiso Cogne

 

 

 

La Cogne è una birra ambrata da 5 % Vol. prodotta con l'aggiunta di bacche di Ginepro e radice di Genziana. Il ginepro ha numerose virtù: è stomachico e le bacche facilitano la digestione, è un antisettico naturale per le vie urinarie e respiratorie, utile per la cura della calcolosi urinaria, per sedare la tosse o come espettorante e ha proprietà antireumatiche.

 

 

 

 

 

 

 

 

Il ginepro è sempre stato considerato dalla medicina popolare un rimedio naturale per la cura di diversi disturbi e nel XIX secolo l'abate tedesco Sebastian Kneipp uggeriva ai malati di influenza di avvolgersi in una coperta riscaldata ai vapori di una pentola in cui venivano fatti bollire bacche e rami di ginepro. Ie bacche di Ginepro favoriscono la diuresi, calma la tosse e purifica le vie urinarie e previene i bruciori di stomaco.

 

 

Dalla radice di Genziana, invece, si ricavano sostanze amare come i glucosidi amari e la genziopicrina che agiscono sulla digestione e sulla produzione di muco gastrico. Ha effetto leggermente antisettico e tradizionalmente veniva utilizzata anche come lassativo, febbrifugo e disinfettante per la cute. Aumenta la quantità di succo gastrico poiché influenza la secrezione di cloro e peptine da parte dello stomaco e la motilità del tubo digerente. L'azione si sviluppa a seguito della stimolazione dei recettori del gusto, nella bocca e con la stimolazione della produzione di saliva. Il mix di queste bacche e di questa radice dosate sapientemente all'utilizzo di malti adatti trasmette un sapore biscottato e contemporaneamente leggermente amaro e piccante che ben si sposano tra loro. In questo caso vista la presenza della genziana la luppolatura della birra è nettamente meno presente in modo da bilanciare molto bene le note amaricanti della radice.

FacebookGoogle Bookmarks