Selezione Lingua

Italian English French German Portuguese Russian Spanish

L'ora della birra

Birrofili in visita al birrificio

25754
OggiOggi13
IeriIeri20
Questa SettimanaQuesta Settimana138
Questo MeseQuesto Mese401
SempreSempre25754

La Birra

Fin dai tempi più remoti la birra è stato uno degli elementi di rilevanza primaria nell'alimentazione di quasi tutti i popoli. Le origini della birra sono così da ricercarsi Nei luoghi e nei tempi più lontani. Documenti molto antichi dimostrarono come la produzione di questa bevanda fosse già largamente praticata da Assiri e Babilonesi ancora prima degli Egizi. Ovviamente quella dell'epoca non poteva ancora chiamarsi vera e propria birra poichè in particolare si trattava di una bevanda prodotta spontaneamente per fermentazione di alcuni cereali mescolati con l'acqua.

Non a caso un'antica leggenda ci narra come in un villaggio situato in Mesopotamia una donna dimenticò una ciotola di cereali al di fuori della propria casa; con il tempo le piogge vennero abbondanti bagnando così i cereali. Il sole con il proprio calore li fece germogliare, ma proprio il suo intenso calore portò anche all'essicazione degli stessi. Le piogge successive fecero così macerare i cereali germinati ed essiccati e la combinazione di questa macerazione con dei microorganismi presenti naturalmente nell'aria fecero si che questo composto iniziasse a fermentare. Alcuni giorni dopo un animale andò ad abbeverarsi in questa ciotola e iniziò a comportarsi in modo strano, oscillando a destra e sinistra. La donna accortasi dello strano deambulare dell'animale assaggiò a sua volta il liquido nella ciotola e con sua grande sorpresa si accorse della grande bontà di quella bevanda e della sua capacità di rinvigorire e di far sentire il lavoro più leggero. 

Le grandi scoperte geografiche degli anni successivi ed in particolare quelle del XV secolo misero in luce come tutti i popoli del mondo sfruttassero la fermentazione dei cereali per ottenere delle bevande molto ristoratrici grazie al basso contenuto di carboidrati e di alcol e più che mai salutari grazie all'apporto di grandi quantità di vitamine e di sali minerali. Per rendere ulteriormente l'idea si può dire che nei secoli la birra abbia intrapreso una strada parallela a quella del pane al punto da denominarla tal volta "Pane Liquido" proprio per le grandi assonanze con tale alimento. Infatti i primi rudimenti di storia birraria  ci insegnano che un tempo alcune popolazioni non in grado di riscaldare la miscela di acqua e cereali all'interno di contenitori di metallo produceva la bevanda lavorando particolari forme di pane che poi venivano spezzettate nell'acqua come vera e propria materia prima. Furono gli egiziani, come si evince da alcuni papiri, a scoprire che facendo germinare il cereale e poi bloccandone la germinazione si poteva ottenere un prodotto che noi oggi chiamiamo "Malto" che rendeva la produzione della birra ineccepibile.

Nel Medioevo poi la produzione della birra ottenne i massimi livelli per quello che concerneva la tecnica ed i prodotti utilizzati. In particolar modo era all'interno dei monasteri medievali che si produceva la birra migliore grazie alla straordinaria sapienza dei monaci. Il famoso monastero svizzero di San Gallo per esempio aveva al suo interno ben tre birrifici specializzati nella produzione di tre diverse tipologie di birra. La prima molto leggera era destinata ai viandanti e ai pellegrini, la seconda di media gradazione sia chiara che scura era consumata dai monaci e dagli inservienti del monastero ed infine una buonissima birra forte e di lusso da offrire agli ospiti di riguardo e alla alta nobiltà. Questi processi di produzione sono rimasti invariati fino ad oggi nella produzione di birra da parte del Regno del Malto che così come allora non si avvale nè della pastorizzazione nè della filtrazione, due processi che purtroppo quando attuati eliminano tutte le qualità antitumorali e benefiche che la birra ha al suo interno proprio perchè prodotta con sostanze vive quali gli lieviti. La birra prodotta oggi dal birrificio rispecchia quindi tutta l'antica tradizione che i mastri birrai del passato ci hanno lasciato in eredità con sapienza e cognizione di tutte le materie prime e dei procedimenti utilizzati per la produzione di un prodotto utilizzato da sempre da tutte le persone del mondo, indipendentemente da quella che potesse essere la loro estrazione sociale.

FacebookGoogle Bookmarks